La  22^ giornata del campionato di serie D non è stata parca di emozioni grazie alla vittoria del Potenza in dieci uomini sull’Altamura e al grande recupero visto nella partita tra Sarnese e Cavese. No, non sto parlando dei due gol realizzati negli ultimi due giri di lancette dagli aquilotti ma proprio del recupero concesso dall’arbitro; otto lunghissimi minuti di extra-time che il direttore di gara ha deciso di concedere dopo il tempo regolamentare, quasi il 18% di un tempo.

C’è stato un momento in cui il campionato si poteva considerare virtualmente chiuso. Era il 96° a Sarno e la Cavese era sotto di un gol a 7 lunghezze dal Potenza. I due minuti successivi di calcio kafkiano, che hanno riportato i campani a -4, hanno tolto quell’alone epico all’impresa dei rossoblu che già tendevano le mani sulla serie C.
In realtà ad Altamura lo spettacolo più emozionante si è visto sugli spalti, con quasi duemila tifosi potentini che hanno riempito lo stadio assieme agli amici biancorossi. Una festa di colori e di folklore, anche grazie alla presenza in tribuna stampa di un radiocronista dialettal-popolare che faceva la cronaca in dialetto murgiano per il Belgio, la Svizzera, la Germania ed il nord Italia, interrompendosi solo per qualche icastica imprecazione che avrebbe fatto impallidire anche il più navigato scaricatore di porto.

In campo le emozioni si sono contate sulle dita di una mano monca e se non fosse stato per il guizzo di Guaita e per la zampata del solito França, lo zero a zero sarebbe stato il risultato più giusto per una partita troppo contratta e spigolosa.

Tirando le somme l’Altamura è definitamente fuori dai giochi per la promozione. I -14 punti, anche se con una gara da recuperare, sono davvero troppi per le speranze dei pugliesi, superati in classifica anche dal Taranto.

La lotta per il salto di categoria è sempre più un gioco a due tra Potenza e Cavese e anche la vittoria sonora del Cerignola per 4 a 1 sul Manfredonia aggiunge poco alla classifica. Restano infatti 10 i punti di distacco tra i gialloblu e la vetta (anche se le prossime due giornate li vedranno impegnati proprio con Cavese e Potenza e forse un piccolo lume di speranza ancora brilla nella valle dell’Ofanto).

A centro classifica tutto rimane invariato con i pareggi tra Picerno e Nardò e del Gravina con la Frattese, prossima avversaria del Potenza. Le speranze per un posto nei play-off rimangono più che vive anche se il prossimo turno potrebbe sorridere al Nardò impegnato in casa col Francavilla, mentre le altre due pretendenti si affronteranno nello scontro diretto di Gravina. Per i ragazzi di Arleo sarà una prova di maturità che potrebbe regalare una posizione di assoluto prestigio ai melandrini.

In coda vincono lo spareggio salvezza il Francavilla con lo Sporting Molfetta e l’Aversa Normanna con la Turris e così, mentre i lucani escono dalla zona play-off scavalcando proprio la Turris in classifica, i casertani si avvicinano al San Severo autore comunque di un ottimo pareggio casalingo contro il Taranto, una delle squadre più in forma del momento.

Nell’attesa di vedere cosa accadrà domenica prossima, i riflettori saranno puntati sugli ottavi di finale di Coppa Italia che vedrà due squadre del girone H impegnate: mercoledì il Cerignola affronterà il Monticelli di Ascoli Piceno, squadra che milita nel girone F di serie D, mentre il Potenza se la vedrà al Viviani con una vecchia conoscenza dei rossoblu, l’Igea Virtus di Barcellona Pozzo di Gotto.

Nella Storia!

Le Maglie del Potenza

Il Video

La Nostra Storia

La Storia del Potenza Calcio

Lo Stadio

La Storia dello Stadio Viviani

Le Maglie

Le maglie del Potenza

Stemmi e Gagliardetti

Gli stemmi del Potenza

Le Ultime stagioni del Potenza S.C.

Potenza S.C.

Stagione 1978/79

Gran bel torneo per il Rende che vince a sorpresa, ma meritatamente, il girone con una squadra solida e ben assortita in cui spiccano elementi come lo stopper Ipsaro Passione (sarà protagonista con la maglia dell'Avellino in annate successive a questa) e il bomber De Brasi
Vai alla stagione

Vibonese vs Potenza. I precedenti

Potenza vs Rieti. I precedenti

ULTIMI ARTICOLI

Potenza - Taranto: Formazione titolare

Formazione del Potenza: Breza, Russo, Panico, Di Somma, Bertolo, Esposito, Coppola, Guaita, França, Guadalupi, Siclari
A disposizione: Mazzoleni, Biancola, Sicignano, Ungaro, Diop, Di Senso, Vaccaro, Coccia, Pepe

Sostituzioni:
57° Pepe per Guadalupi - 74° Coccia per Guaita - 75° Di Senso per França - 80° Diop per Esposito, 84° Sicignano per Bertolo

Miglior attacco
Potenza 81
Cavese 68
Taranto 62
Miglior difesa
Potenza 28
Cavese 31
Nardò 36
Peggior Attacco
Frattese 26
Aversa Normanna 31
Gragnano 34
Peggior Difesa
S. Molfetta - Manfredonia 85
Francavilla - 70
Aversa Normanna 56

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy