C’è poco da raccontare di calcio in una domenica come questa, una domenica dove si muore per andare a vedere una partita, dove basta poco per far scattare la follia e uccidere, togliere la vita a qualcuno e distruggere la propria e quella di tante altre.

In una domenica così non ha senso raccontare una partita di calcio, parlare di moduli, di gesti atletici, o di rigori dubbi. Tutto passa in secondo piano, tutto diventa piccolo, tutto si scioglie nelle lacrime di dolore e di rabbia, perché è successo qui, a casa nostra, tra le tifoserie di Rionero e Melfi, due città che distano tra loro appena 10 km.

Sapere che per il calcio diventa possibile organizzare un agguato a un gruppo di tifosi con la volontà di fare male, con tutte le conseguenze che questo comporta, anche di reazioni incontrollate, fino a trovarsi investiti da un auto, rende completamente inutile parlare dell'1 a 1 tra Catania a Potenza, perchè questo pareggio non ci cambierà la vita. Il rigore dato agli etnei c’era oppure no? Forse ce n’era uno ancora più netto per il Potenza? Forse Raffaele doveva fare dei cambi prima? Sono solo argomenti di cui parlare con gli amici e che lasciano il tempo che trovano, perché ognuno di noi tornerà a fare quello che faceva prima di quella partita, perchè questo pareggio non ci farà più belli o più brutti, più alti o più bassi, o più ricchi e felici.

Tutto sarebbe dovuto tornare esattamente come prima di Catania-Potenza, o di Brienza-Vultur, o Real Tolve-Melfi e, purtroppo, ci tornerà, perché quello che è successo allo Scalo di Vaglio sarà presto dimenticato, dopo i canonici minuti di silenzio, dopo i fiori portati nelle curve, dopo le ferme condanne dell'accaduto, e i tifosi continueranno con i loro cori contro, i loro insulti, le loro risse, fino a quando non accadrà un altro gesto folle, perché, come diceva Isaac Newton: “Posso calcolare il movimento dei corpi celesti, ma non la follia della gente”.

 

Le vittorie a tavolino del Potenza

La maglia storica del Potenza

La prima vittoria del Potenza in B

La Nostra Storia

La Storia del Potenza Calcio

Lo Stadio

La Storia dello Stadio Viviani

Le Maglie

Le maglie del Potenza

Stemmi e Gagliardetti

Gli stemmi del Potenza

Le Ultime stagioni del Potenza S.C.

Potenza S.C.

Stagione 1978/79

Gran bel torneo per il Rende che vince a sorpresa, ma meritatamente, il girone con una squadra solida e ben assortita in cui spiccano elementi come lo stopper Ipsaro Passione (sarà protagonista con la maglia dell'Avellino in annate successive a questa) e il bomber De Brasi
Vai alla stagione

Il Potenza "scivola" nel pareggio

Gli Alabardati infilzano i Leoni

ULTIMI ARTICOLI

Miglior attacco
Ternana 24
Bari 14
Teramo - Bari 11
Miglior difesa
Teramo 3
Avellino 4
Ternana - J. Stabia 5
Peggior Attacco
Palermo 1
Catanzaro - Monopoli 5
J. Stabia - Paganese - Cavese 7
Peggior Difesa
Cavese 18
Potenza 15
Casertana 14

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy